TUTORI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI



Negli ultimi anni, i flussi migratori hanno avuto un enorme risalto sulle scelte geopolitiche e sociali di tutti i paesi del mondo: secondo i dati dell’IOM, oltre 250 milioni di persone hanno lasciato la propria casa, la propria famiglia per cercare un futuro in un altro paese. E molti dei migranti sono bambini, adolescenti, ragazzi: costretti a lasciare la propria famiglia e affrontare viaggi lunghi e pericolosi per avere quelle possibilità che erano state loro negate nel proprio paese. Molti partono da soli, altri perdono i propri cari durante il viaggio. Sono migliaia quelli che giungono in Italia soli, senza nessun genitore o un parente prossimo che possa prendersi cura di loro, dopo un lungo cammino che ha comportato traumi psicologici e fisici incredibili.
L’Italia, primo (e finora unico) paese al mondo, nel 2017, ha varato una legge che, oltre a racchiudere in sè tutte le norme che riguardano i dei Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA), prevede la figura del TUTORE VOLONTARIO, una persona che possa prendersi cura di loro e guidarli nella crescita e nell’inserimento nella società. Da alcuni anni, il Kiwanis Distretto Italia-San Marino ha dedicato a questi minori il Service Tutori Minori Stranieri Non Accompagnati. Nell’ambito di questo Service, i MSNA vengono aiutati sia direttamente (nel loro percorso di integrazione e formazione) che indirettamente, facendo in modo che possano ricevere l’assistenza di Tutori Volontari.
L’impegno del Kiwanis Distretto Italia-San Marino non si limita a sensibilizzare nuovi Tutori Volontari: su mandato dei Garanti dell’Infanzia e dell’Adolescenza di diverse regioni (a ciò delegati dalla legge 47/17), gli esperti selezionati nell’ambito del Service Tutori Minori Stranieri Non Accompagnati provvedono a selezionare, formare ed assistere nuovi aspiranti Tutori Volontari.
Tra le numerose iniziative realizzate nell’ambito di questo Service, degna di nota la pubblicazione di un report nel quale è stato analizzato a fondo il fenomeno dei MSNA (diventato oggetto di studi e anche di tesi di laurea).
Nel corso degli anni, è emerso che molti dei minori giunti in Italia scomparivano, diventando IRREPERIBILI (come sono definiti dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali). Oggi, in Italia, i minori stranieri scomparsi rappresentano i due terzi dei MSNA e in assoluto la stragrande maggioranza delle migliaia e migliaia di minori di cui non si sa più nulla ogni anno. Per questo, dal 2018, il Service Tutori Minori Stranieri Non Accompagnati ha avviato numerose le iniziative che hanno già ottenuto risultati inattesi (e non solo in termini di riconoscimenti e onorificenze: per due anni consecutivi, le iniziative realizzate dal Service sono state insignite con la medaglia del Presidente della Repubblica). Dal 2019, è iniziata la collaborazione fattiva con numerosi Enti, tra i principali in Europa per la segnalazione e l’intervento per le persone scomparse. Ma non basta. Proprio in virtù dell’attività svolta, il Service Tutori Minori Stranieri Non Accompagnati (unico e solo Club Service al mondo a ricevere questo incarico!) è stato inserito tra gli Stakeholders dell’Agenda for Humanity delle Nazioni Unite, creata nel 2016 con lo scopo di raggruppare le migliori iniziative per il raggiungimento di cinque dei diciassette Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite.
Un ruolo, quello riconosciuto al Service Tutori Minori Stranieri Non Accompagnati, che non è solo quello di attore attivo e fattivo, ma di essere di esempio per gli altri.