.............      RICERCA  |   ARCHIVIO SITI KIWANIS  |   MEDIA  |   MAPPA SITO

KC Follonica - Quarto seminario "in Presenza" presso l'I.S.I.S. di Follonica sul cyberbullismo e l'uso appropriato dei sistemi informatici  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Pubblicato da: Rosalba | KC Follonica | 22.02.2021 |  Letture: 41

KC Follonica - Quarto seminario
Mercoledì 16 Febbraio 2021, con inizio alle ore 09,00, il KIWANIS CLUB FOLLONICA ha organizzato un INCONTRO o SEMINARIO con gli Studenti della Classe Prima A e gli Studenti della Classe Prima F del Liceo Scientifico di Follonica (GR).
Nonostante la Regione Toscana sia attualmente in “zona arancione” per la nota pandemia legata al Coronavirus l’Incontro si è potuto tenere “IN PRESENZA” rispettando scrupolosamente le norme “Anticovid”.
Teatro dell’evento è stato l’Aula Magna dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore di Follonica ad indirizzi Liceali – Tecnici e Professionali (I.S.I.S.) Via De Gasperi, 8.

I Relatori dell’Incontro o Seminario sono stati:
• Loriano Lotti, Chair Distrettuale Service Cyberbullismo;
• Sandro Costa, Socio Kiwanis Club Follonica ed esperto in Cyberbullismo.

Loriano Lotti ha portato il saluto del Governatore Maura Magni ed ha spiegato le finalità del Kiwanis suscitando l’interesse degli Studenti.

Con l’aiuto di proiezioni di slide e filmini si è parlato di Cyberbullismo, Bullismo, Pedopornografia, sexting, adescamento on line e utilizzo corretto di Internet.
In particolare, su richiesta di alcune Insegnanti, sono state date informazioni importanti sull’utilizzo dei Social network definiti come una “giungla selvaggia”, ricca di predatori e ancor più ricca di prede, soprattutto adolescenti.
Messo in guardia gli Studenti che si possono incontrare predatori di ogni tipo: truffatori che cercano di spillare credenziali per svuotare conti correnti, ma anche, i pericolosi “predatori sessuali” che possono istigare perfino al suicidio.

Nella seconda parte della mattinata è scaturito un acceso dibattito con numerose domande fatte dagli attenti studenti.










TAGS: