.............      RICERCA  |   ARCHIVIO SITI KIWANIS  |   MEDIA  |   MAPPA SITO

KC Agrigento - Online la premiazione del Concorso Letterario "Modello Pirandello 2020"  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Pubblicato da: Rosalba | KC Agrigento | 23.11.2020 |  Letture: 72

KC Agrigento - Online la premiazione del Concorso Letterario
Una studentessa di Barletta ha vinto il primo premio della trentunesima edizione del concorso letterario Modello Pirandello, organizzata dal Kiwanis Club di Agrigento in collaborazione con il Parco Letterario Luigi Pirandello e il Pirandello Stable Festival.

Si tratta di Andreah Ziri che frequenta il liceo “Casardi” e che ha partecipato con la novella “Inseguo chimere”.

La premiazione si è svolta in modalità a distanza con la direzione di Franco Zicari mentre in collegamento c’erano il governatore del Distretto Italia San Marino, Maura Magni, il Luogotenente Governatore Pietro Castronovo della Divisione 6 Sicilia del Kiwanis e i 5 finalisti del concorso.
Dopo una breve intervista ai finalisti sulla genesi e sui contenuti delle singole novelle, il presidente della giuria, Luigi Ruoppolo ha letto le motivazioni con cui sono stati assegnati i seguenti premi:
-premio Kiwanis International alla novella “Il sindaco” di Gaia Farraguto dell’istituto Odierna di Palma Montechiaro;
-premio San Paolo Invest alla novella ‘Lodovico’ di Erika Cappellari del Liceo Leonardo da Vinci di Milano;
-premio Pirandello Stable Festival alla novella ‘La favola della sposa cambiata’ di Sveva Bonura del liceo Cutelli di Catania.
Ed ancora premio Parco letterario Luigi Pirandello alla novella ‘Riflesso’ di Paola Scrivano del liceo Campanella di Belvedere Marittimo (Cosenza).
Quattro sono state, infine, le Menzioni Speciali a cui sono state attribuite apposite targhe. A ciascuno dei premiati è andato, come rimborso spese, un assegno di 300 euro. Durante la manifestazione, il governatore Maura Magni ha illustrato la mission del Kiwanis e le tante iniziative in corso.
Tra queste un altro concorso, questa volta legato alla convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che al punto 12 recita: “Ascoltate, anche noi dobbiamo dire la nostra”.
Uno dei diritti fondamentali è infatti l’ascolto delle opinioni del minore e spiega che i bambini hanno diritto ad essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano.