.............      RICERCA  |   ARCHIVIO SITI KIWANIS  |   MEDIA  |   MAPPA SITO

Il KC Città Di Castello dona al reparto di rianimazione 14 caschi respiratori non invasivi  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Pubblicato da: Federica | KC Città di Castello | 01.08.2020 |  Letture: 168

Il KC Città Di Castello dona al reparto di rianimazione 14 caschi respiratori non invasivi
Importante donazione effettuata dal Kiwanis Club di Città di Castello guidato dalla Presidente Paola Dini al reparto rianimazione (primario f.f. dr Stefano Martinelli) dell’ospedale di Città di Castello: si tratta di 14 caschi respiratori non invasivi, strumenti ritenuti indispensabili in particolari casi emergenziali come quelli recentemente vissuti e che potrebbero ripresentarsi in futuro.
Con questo gesto il club tifernate che ha come punto di riferimento nazionale la dr Valchiria Do (già Governatore Distretto Italia-San Marino) prosegue la sua vasta e articolata azione in favore del territorio come testimonia il restauro dell’affresco di Alvaro Sarteanesi in San Domenico che verrà inaugurato il 10 luglio.
“Siamo ad esprimere orgoglio e profondo ringraziamento agli amici del Club Kiwanis di Città di Castello per la sensibilità dimostrata nel donare alla Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione di Città di Castello scafandri per ventilazione non invasiva tipo CPAP per il trattamento dell’insufficienza respiratoria acuta. Questo presidio è vitale per molti pazienti, che in questo modo riescono a raggiungere l’obiettivo della ossigenazione senza dover essere sottoposti a ventilazione invasiva , soprattutto nel caso di infezione da Sars Cov-2 in cui la CPAP trova un impiego fondamentale e routinario”, ha precisato il Direttore FF Struttura complessa Anestesia e Rianimazione Ospedale Città di Castello, Stefano Martinelli che attraverso una lettera ha ringraziando sentitamente.
Anche il sindaco, Luciano Bacchetta si è congratulato con i vertici del Kiwanis Club per questa importante donazione che “testimonia ancora una volta la sensibilità alle questioni locali dimostrata dai soci del service tifernate soprattutto in periodi di emergenza come quello che abbiamo vissuto in questi mesi con i medici e operatori sanitari in prima line a fronteggiarla con grande abnegazione e professionalità”.




TAGS:   
donazione   caschi   ospedale   covid-19