Navigazione veloce

KC L'Aquila - Concerto di solidarietà in occasione del 50° anniversario della nascita dello Special Olympics  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Pubblicato da: Federica | KC L’Aquila | 28.05.2018  |  Letture: 403

KC L'Aquila - Concerto di solidarietà in occasione del 50° anniversario della nascita dello Special Olympics
In occasione del 50° anniversario della nascita dello SPECIAL OLIMPICS il KIWANIS CLUB L’AQUILA con il patrocinio del Comune dell’Aquila, con la preziosa collaborazione degli alunni del Liceo Musicale “D. Cotugno” e del Conservatorio Statale di Musica “A. Casella” dell’Aquila, è lieto di invitarVi il 30 maggio p.v., presso l’auditorium del Conservatorio Statale di Musica “A. Casella” al concerto di Solidarietà dal titolo “La musica che unisce”.
La missione di Special Olympics è quello di dare l’opportunità di allenarsi e gareggiare in una varietà di sport olimpici a bambini ed adulti con disabilità intellettiva durante tutto il corso dell’anno. Ciò consente loro di sviluppare ed accrescere il proprio benessere fisico, dimostrare coraggio, sperimentare la gioia di partecipare in un clima di scambio continuo. Si mettono in campo le abilità, si stringono amicizie con altri atleti, si vivono esperienze uniche assieme ai tecnici, ai volontari, ai propri familiari e a tutta la comunità.
La missione Special Olympics rimane oggi di vitale importanza così come lo era quando il Movimento è stato fondato, nel 1968 pertanto nell’anno dell’anniversario saranno programmate numerose attività in tutte le regioni d’Italia. Anche in Abruzzo e a L’Aquila verranno organizzate iniziative alle quali tutti sono invitati a partecipare e a dare così un segnale a favore della considerazione di tutte le persone con disabilità
Eunice Kennedy Shriver, la fondatrice del Movimento Special Olympics agli inizi degli anni ‘60 fu la prima ad accorgersi di quanto lo sport potesse mettere le persone con disabilità intellettiva nelle condizioni ideali per dimostrare le loro capacità. «È molto difficile far competere le persone con disabilità intellettiva in prove di matematica o geografia - ripeteva spesso- ma se a queste stesse persone si dà l’opportunità di praticare sport, possono diventare formidabili».
Oggi Special Olympics è presente in 170 Paesi ed è il più grande movimento sportivo per persone con disabilità intellettiva con più di 5,6 milioni di atleti e con i suoi 108.821 eventi organizzati in tutto il mondo mette in evidenza ciò che questi atleti sono in grado di fare e non sulla loro disabilità.









TAGS:   




Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia