Navigazione veloce

KC Catania Est – Secondo appuntamento del ciclo “Scoprire Catania e dintorni”: Belpasso  

Stampa veloce crea pdf di questa news icona rss
Pubblicato da: Federica | KC Catania Est | 09.12.2017  |  Letture: 983

KC Catania Est – Secondo appuntamento del ciclo “Scoprire Catania e dintorni”: Belpasso
Nell'ambito del ciclo “Scoprire Catania e dintorni”, visite guidate organizzate dal club ogni prima domenica del mese, si è svolto il secondo appuntamento domenica 3 dicembre a Belpasso.
Dopo un breve saluto ai partecipanti al Palazzo Municipale il programma si è articolato in diverse tappe. Si è partiti dal percorso delle “100 sculture”. Da alcuni anni l'Amministrazione Comunale in collaborazione con l'Accademia delle Belle Arti di Catania ha lanciato il progetto “Belpasso: la città delle cento sculture” per dare risalto alla pietra lavica, elemento fondante dell'architettura etnea, e provvedere al decoro urbanistico lasciando ai posteri un segno tangibile di questa epoca.
Poi la visita ai Musei “Mechanè” e “Bruno”, allocati nell'ex casa del commediografo Russo-Giusti. Il “Mechanè è il museo multimediale dei Carri di S.Lucia, realizzato dalla omonima Fondazione, mentre il museo V.Bruno è un museo etno-antropologico ed espone oggetti della cultura, raccolti dal belpassese Venerando Bruno e donati in comodato d'uso al Comune di Belpasso. Ancora la visita ai laboratori dove vengono allestiti i “Carri di S.Lucia”, le sontuose macchine sceniche barocche recentemente inserite tra i beni immateriali della Regione, realizzate dalle maestranza dei vari quartieri cittadini, riuniti nella Fondazione Carri di S.Lucia. I Carri vengono presentati ogni anno nei giorni 11 e 12 Dicembre e la prima domenica di Agosto.
Infine ha concluso il giro la visita della Chiesa Madre, con la casa della “Vara” e la mostra “Astro d'Argento”. La chiesa Madre conserva dipinti provenienti dall'antica Malpasso (toponimo di Belpasso, distrutto dalla lava del 1669); il Simulacro e lo Scrigno che custodisce le Reliquie di S.Lucia; un Crocifisso ligneo del tardo cinquecento, appartenente alla Confraternita dei Flagellanti. La “Vara” di S.Lucia, autentico capolavoro dell'argenteria catanese e messinese della prima metà del '700, è la macchina processionale, tirata da lunghi cordoni, usata per la processione della Santa Patrona nei giorni 13 e 14 Dicembre. La mostra “Astro d'argento “, nei saloni del palazzo dei baroni Bufali, è una mostra di abiti ispirati al culto di S.Lucia a cura dell'Accademia delle Belle Arti di Catania.
La giornata ci ha permesso di raggiungere pienamente anche stavolta la missione di questi appuntamenti mensili: conoscere luoghi di interesse storico, artistico ed etno-antropologico di grande fascino per valorizzarli e consegnarli alle future generazioni che dovranno farsene carico quale patrimonio dell’intera comunità etnea.













TAGS:   
cultura   catania   




Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia